nella storia dell’arte e nella vita quotidiana (di Giulia Ripandelli).

“Oeil de sorcière” o “specchio dei banchieri”, così veniva chiamato in passato lo specchio convesso. Usato nelle case come portafortuna, contro il malocchio e per cacciare le streghe, nelle botteghe di orafi e banchieri era un efficace strumento per tenere sotto controllo il negozio. Ancora oggi lo troviamo agli incroci stradali con scarsa visibilità o nei supermercati a vigilare le merci sugli scaffali. Nell’arte è stato rappresentato, sporadicamente, nel Quattrocento e nel Cinquecento. L’ardito gioco prospettico offerto dalla curvatura della lastra specchiante si prestava a raffinati esercizi di stile, permettendo inoltre lo sfizio di includere nel quadro particolari e personaggi esterni alla rappresentazione. Sparito dalle tele per circa tre secoli, riappare alle soglie del Novecento. Il suo straniante effetto spaziale ha probabilmente influenzato anche sculture e installazioni contemporanee come, ad esempio, il monumentale Cloud Gate di Anish Kapoor a Chicago.

A seguire una breve panoramica di opere che, attraverso i secoli, lo raffigurano:

Jan Van Eyck – Ritratto dei coniugi Arnolfini – 1434
National Gallery, Londra
Robert Campin – Trittico Werl: San Giovanni Battista – 1438
Museo del Prado, Madrid
Petrus Christus – Sant’Eligio nella bottega di un orafo – 1449
Metropolitan Museum, New York
Giovanni Bellini – Allegoria della prudenza o della vanità – ca. 1490
Gallerie dell’Accademia, Venezia
Juan de Flandes – Nozze di Cana – 1500
Metropolitan Museum, New York
Quentin Massys – L’usuraio e sua moglie – 1514
Museo del Louvre, Parigi
Tiziano – Donna allo specchio – ca. 1515
Museo del Louvre, Parigi
Parmigianino – Autoritratto allo specchio convesso – 1524
Kunsthistorisches Museum, Vienna
Caravaggio – Marta e Maria Maddalena – ca. 1598
Institute of Arts, Detroit
William Orpen – The Mirror – 1900
Tate Britain, Londra
Gorge Lambert – The convex mirror – 1916
Collezione privata
Mark Gertler – Still life with self portrait – 1918
Leeds Museum & Galleries
Maurits Cornelis Escher – Mano con sfera riflettente – 1935
Fondazione M.C. Escher, Baarn
Harold Gresley – Lo specchio convesso – 1945
Derby Museums and Art Gallery
Amnon David Ar – Self portrait in convex mirror – 2008
Proprietà dall’artista
Anish Kapoor – Cloud Gate – 2006
Millennium Park, Chicago

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...