Le donne di spalle di Vilhelm Hammershøi (di Sandro Polo).

Nonostante abbia esposto cinque ritratti nel 1893 alla Biennale di Venezia,  vinto nel 1911 il primo premio all’Esposizone Internazionale di Roma e la Galleria degli Uffizi gli abbia chiesto un autoritratto, Vilhelm Hammershøi in Italia è pressoché sconosciuto. Nato  nel 1864 a Copenhagen da  Frederikke  Rentzmann  e Christian Hammershøi, un agiato commerciante danese, fin da piccolo mostra una naturale predisposizione per  il disegno e la pittura. Ultimati gli studi artistici esordisce come pittore dando vita ad un’originale produzione che lo distingue da qualsiasi altro artista dell’epoca.

Paesaggio da Lejre, 1905

Nella monotona e rassicurante quiete di un’esistenza condotta con sobrietà e riservatezza, lontana da clamori e cambiamenti a parte alcuni viaggi in Europa, Hammershøi si dedica a temi e generi pittorici diversi: vedute d’interni, paesaggi, ritratti, studi di architetture, qualche marina.

Raggi di sole, 1900

In particolare, gli interni stupiscono e affascinano per la prevalente impaginazione ortogonale, il tono algido, l’essenzialità degli arredi, la raffinata gamma cromatica ridotta a pochi colori, la luce incantata e la sottile inquietudine che li pervade. Guardandoli si pensa a Vermeer e a certo Realismo Magico degli anni ’30, ma anche a Edward Hopper per le comuni atmosfere pregne di solitudine e silenzio. Gli spogli spazi, quasi sempre riferibili alle due case in cui abitò l’artista a Copenhagen, alle volte sono desolatamente disabitati, altre animati da un’unica presenza femminile, in genere sua moglie Ida Ilstad, sposata nel 1891.

Interno, 1898

Non sempre è dato sapere cosa stiano facendo queste donne, da quali sentimenti o emozioni  siano pervase, dato che spesso Hammershøi le ritrae di spalle, isolate nel loro ambiente, in un mondo sospeso di sensazioni, pensieri e oggetti domestici. L’osservatore è escluso da questo universo enigmatico, lo spia da una certa distanza  cercando di interpretare il contrappunto tra linee morbide e rigide, tra ombre e chiarori, tra prospettive chiuse e aperte, ammaliato dalla vibrante “luce argentata” (Poul Vad) che avvolge ogni cosa, pulsante di segreta malinconica intimità.

Riposo, 1905
Giovane vista da dietro, 1904
Interno con pianoforte e donna in nero, 1901
Interno con stufa, 1899
Interno, 1900
Interno con Ida su una sedia bianca, 1900
Interno con Ida che suona il piano, 1910
Interno, Frederiksberg Allè, 1900

Il lavoro di Vilhelm Hammershøi  fu apprezzato da poeti, artisti, critici e scrittori come Rainer Maria Rilke, Serge Diaghilev, Emile Nolde, Theodore Duret. Divenne inoltre punto di riferimento per le ambientazioni cinematografiche di due registi danesi, Gabriel Axel ne Il pranzo di Babette e Carl Theodor Dreyer.

Autoritratto (particolare), 1895

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...