In viaggio sulla nuova linea 4 della metro (testo e foto di Giulia Ripandelli).

E’ un giorno di vento forte e pioggia battente, abbastanza freddo nonostante sia maggio. E’ il nostro ultimo giorno a Budapest, nel pomeriggio dobbiamo essere in aeroporto, e ormai abbiamo girato la città in lungo e in largo con autobus e metropolitane; le abbiamo prese tutte tranne la linea 4 che, partendo da una fermata della 2 e incrociando la 3, si allontana dal centro in direzione sud-ovest. Abbiamo a disposizione tutta la mattina e una tessera di abbonamento che ci consente di prendere tutti i mezzi senza limiti.

Kálvin tér

Con gli ombrelli rovesciati dalle raffiche ci buttiamo giù per le scale della stazione di Kálvin tér e, imboccata la scala mobile che porta ai binari, ci si apre un nuovo mondo sotterraneo: dopo la storica e curata linea gialla, la vecchia e un po’ cadente linea blu e la ristrutturata e linda linea rossa, la nuovissima linea verde, inaugurata il 28 marzo del 2014, è un salto nella contemporaneità. La luce bianca che piove dall’alto illumina l’acciaio satinato della scala, e i lucidi pannelli di plexiglas che ricoprono le pareti curve del tunnel irradiano un solare e allegro alternarsi di giallo e arancio. Decidiamo di utilizzare il tempo che ci resta per esplorarla stazione per stazione, scendendo a tutte le fermate e risalendo sui treni successivi.

Kálvin tér

La sorpresa si rinnova ad ogni sosta: dai mosaici ad effetto psichedelico alla essenziale combinazione di acciaio e cemento, dagli accostamenti di colori accesi all’intersecarsi di piani e scale in salita e in discesa, dai neon sapientemente disposti alla luce del giorno che filtra attraverso coperture trasparenti,  alcune delle stazioni, maestose come cattedrali, sono dei capolavori di spazio e luce, colore e forma.

Kálvin tér

I pulitissimi treni dai sedili rossi ci scarrozzano allegramente di fermata in fermata, prima avanti e poi indietro, fino a riportarci al punto di partenza. Un ultimo sguardo alle buffe panche verdi sotto un soffitto di spirali al neon, vicino ad una delle uscite della stazione, ci ricorda che si può essere adulti ed efficienti senza essere seriosi, e che una giornata faticosa può diventare più lieve se sulla nostra strada incontriamo un pizzico di fantasia. Risaliamo in superficie dove ci aspettano il cielo grigio e la pioggia, lasciandoci alle spalle i fantastici giochi seri degli architetti ungheresi.

Kálvin tér
Kelenföld vasútállomás
Kelenföld vasútállomás
Bikás park
Bikás park
Bikás park
Újbuda–központ
Újbuda–központ
Móricz Zsigmond körtér
Móricz Zsigmond körtér
Móricz Zsigmond körtér
Szent Gellért tér
Szent Gellért tér
Rákóczi tér
Rákóczi tér
Rákóczi tér
Keleti pályaudvar
Keleti pályaudvar
Keleti pályaudvar

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...